Monastero "Nilo-Stolobenskaya Desert" (Nilova Pustyn)

Con il bel tempo con Gorodomly si vede facilmente un'altra isola - Stolobny, sulla quale si trova un monastero di Deserti di Nilov. L'isola è piccola, piatta, e gli edifici monastici sembrano proprio sull'acqua. Quando ti avvicini all'isola in barca o su una barca, le costruzioni monastiche cominciano ad alzarsi dall'acqua davanti ai tuoi occhi, assomigliando a uno scenario teatrale. Il paragone con lo scenario, forse, non è ispirato dalla visione di apertura, ma dalle stampe popolari del secolo scorso con l'immagine della processione ai Deserti di Nilov; Tuttavia, l'impressione non è persa finché non nuoti vicino al monastero. Vicino alle numerose chiese e strutture del deserto non provano un senso di luogo inespugnabile, recintato dal mondo, quali monasteri della periferia di Mosca e Mosca sembrano con alte mura di fortezza.

 

Il deserto di Nilov, invece, assomiglia a una piazza di Leningrado quando lo guardi dalla Neva o dal canale: argini granitici che circondano l'intera isola, torrette con colonne, simili ai gazebo del parco, un alto parapetto di fronte alla cattedrale principale di il monastero, rigorose forme d'ordine di edifici monastici del XVIII-XIX secolo.

 

L'aspetto del monastero di Nilov dei deserti è associato al nome del monaco Nilo, che ha ricevuto il soprannome Stolobny soprannome Stolobensky. Neil Stolobensky è una persona storicamente autentica. Era davvero un novizio del monastero Krypetsky vicino a Pskov, dove prese la tonsura e si stabilì sul fiume Seremha. Ma gli abitanti dei villaggi circostanti, venuti a conoscenza delle azioni monastiche del futuro santo, presumibilmente cominciarono a tormentarlo con la loro eccessiva attenzione, privandolo della solitudine, e decise di allontanarsi dal mondo in un posto più sordo. Questo posto era un'isola, vicino alla quale c'erano gli insediamenti Ostashkovsky, dall'altra parte del lago - il monastero Nikolo-Rozhkovsky, e nelle vicinanze, probabilmente, c'erano diversi villaggi. La gloria di questo eremita si sta diffondendo su tutta la costa e di tanto in tanto si fa sentire; poi esegue un altro "miracolo" - guarisce la persona sofferente, quindi allevia l'inevitabile morte di un pescatore, preso da una tempesta sul lago.

 

Nell'era della formazione dello Stato di Mosca, contemporaneamente si svolgeva il processo di canonizzazione dei santi locali. Sono questi santi locali che sono diventati aiutanti e difensori, intercessori davanti al trono del Signore e consiglieri in ogni sforzo per gli abitanti di certe terre. Nel numero di principi di caduta molto presto santi - Alexander Nevsky, Dmitry Donskoy, Mikhail Tverskoy, i fondatori dei monasteri - Sergius di Radonezh, Cyril Belozersky e altri. Qui, nella regione del lago, il desiderio di avere il suo intercessore celeste divenne evidentemente la causa della canonizzazione dell'eremita che viveva sull'isola di Stolobny, e il monastero Nikolo-Rozhkovsky promosse attivamente l'affermazione del nome di questo santo nelle vicinanze. Il monastero Nikolo-Rozhkovsky sulla costa occidentale del Seliger (sul sito di cui dobbiamo ancora visitare) emerse come confine con il monastero lituano del principato di Mosca. La vita del Nilo Stolobensky fu ordinata dai suoi monaci e compilata a Mosca. Da altri santi canonizzati, Neil Stolobensky si distingue per tali prodezze come torture della sua carne con veglie e preghiere costanti, quando nemmeno nei brevi momenti di riposo non si sdraiava, ma era appeso a grucce di legno conficcate nel muro. Con questi attributi, è stato più spesso raffigurato su icone e nella scultura in legno. Molto più tardi, a Nil Stolobensky verranno assegnate le funzioni di un guaritore di malattie alle gambe, un salvatore che viaggia sull'acqua e su strade difficili. Dopo la morte di Stolobensky eremita sulla sua tomba, secondo l'agiografia, i miracoli di guarigione continuarono ad essere eseguiti, che fu la ragione per la formazione del monastero sull'isola.

 

Il primo abate e vero fondatore del deserto del Nilo era lo hieromonk del monastero di Nikolo-Rozhkovsky Herman. Costruì una cappella sopra la tomba del Nilo, e circa quaranta anni dopo la scomparsa del Nilo, nel 1591-1594, la prima chiesa in legno dell'Epifania e il campanile "pilastro della quercia". Allo stesso tempo, apparve la prima raffigurazione di pittura di icone di Neil Stolobensky, eseguita "dalle parole degli anziani che conoscevano personalmente la Persona di Dio e ricordavano i suoi tratti", due monaci Job e Nifont dell'Ascensione del Monastero di Orsha, vicino a Tver, a valle del Volga.

Nei primi anni dei deserti, ha vissuto un'esistenza miserabile. Fu devastato dai polacchi e solo una fortunata coincidenza salvò il monastero dalla completa estinzione. La terra intorno all'isola Stolbots e l'isola stessa appartenevano, come Gorodomlya, al boiardo Lykov, il parente più prossimo dello zar, e l'abate nel monastero dopo la morte di Herman era Ostashkov, un uomo che era senza dubbio di grande energia e altamente educato per il suo tempo, Nektariy. Il nobile boiardo era lusingato di mantenere un monastero nel suo patrimonio. Neil Stolobensky divenne così, per così dire, il suo patrono celeste. Pertanto, il deserto ha ricevuto tutto il sostegno di Lykov. Dopo di lui, i principi Trubetskoe, Dmitry Pozharsky, il boiardo Kolotovsky e, infine, lo zar stesso non lasciarono il "luogo santo" senza attenzione. I depositi erano così significativi che Nektariy ricostruì il monastero. Nel 1622, la Chiesa di legno dell'intercessione fu eretta "circa cinque capitoli sulle gabbie", e invece dell'epifania bruciata sulla tomba del Nilo nel 1635, fu costruita una seconda chiesa in legno con lo stesso nome. Il monastero era circondato da una recinzione con una "campana di polpo" sopra le porte, sistemato in ospedale e in soggiorno. Di come fosse il deserto sotto Nektarii, un'icona con la sua immagine, conservata nel museo Kolomenskoye a Mosca, dà una buona idea. La chiesa di legno "sulle gabbie" ricorda vividamente la chiesa del cimitero di Shirkov con gli stessi livelli di quaternari in diminuzione, coperti da otto pattini. Il secondo, di dimensioni leggermente inferiori, è chiaramente di tipo a gabbia. Le mura di registro del monastero e il campanile non sono grandi, dietro di loro ci sono piccole celle vicine l'una all'altra. In questa forma, il monastero non durò a lungo. Nel 1665 ci fu un grave incendio. Al mattino, solo i carboni ardevano al posto degli edifici di legno, ma i deserti erano così ricchi in quel momento che Nektary chiese il permesso di costruire una chiesa di pietra e con questo scopo andò a Mosca, "per un po 'il Gran Sovrano ha concesso 200 rubli in una chiesa in pietra. " Nello stesso luogo, a Mosca, vengono acquistati mattoni, ferro e calce, e l'appaltatore per le opere in pietra è anche "il contadino dei principi di Cherkasy - Yakov Nikitin figlio Golubin", nativo del villaggio di Pavlov Perevoz vicino a Nizhny Novgorod. Nel 1667 nel monastero posò la prima pietra dell'Epifania. Tre anni dopo fu consacrato. "Durante la costruzione, dallo zar e dai suoi parenti per la moglie di Miloslavsky e Morozov ... di tanto in tanto, sono stati inviati benefici in denaro alla struttura della chiesa di pietra, che ha anche accelerato il corso di questa struttura". Tuttavia, il primo edificio monastico in pietra si rivelò imperfetto. In due anni ho dovuto smantellare la chiesa sopra il refettorio e il campanile, perché "dalla sproporzionata pesantezza di esso, ci furono presto crepe nel pasto, su cui si trovava, e in esso stesso ...". Al posto della chiesa disassemblata, è attaccata una cappella. La prima cattedrale del monastero in pietra non è stata conservata. Al suo posto ora sorge la maestosa struttura classica dell'inizio del XIX secolo, che ha ricevuto lo stesso nome - la Cattedrale dell'Epifania, di cui si deve ancora parlare. Numerose icone con vedute del monastero, sparse ora in varie collezioni, danno un'idea abbastanza buona della cattedrale che non ci è pervenuta. A giudicare da loro, è possibile ricostruire almeno i principali volumi dell'edificio, che è estremamente importante, poiché era la prima struttura in pietra nelle vicinanze di Ostashkov, che divenne senza dubbio un prototipo per le cattedrali cittadine erette negli anni '80. il XVII secolo, e la sua decorazione decorativa continuò a suscitare l'immaginazione degli architetti locali fino alla fine del XVIII secolo. Sulle immagini della cattedrale si nota un alto quadrilatero a doppia faccia coronato da file di kokoshnik, enormi tamburi con grandi teste sormontate dai kokoshnik, sottili aperture di finestre sono state tagliate attraverso le pareti in una complessa cornice ornata. E la composizione e la decorazione decorativa del tempio ricordano non più Mosca, ma edifici di Yaroslavl della fine del XVII secolo. Già nel 1703 un'altra chiesa con un refettorio fu annessa alla cattedrale, nella decorazione decorativa di cui si ripetevano le forme precedenti. Gli artigiani locali hanno lavorato alla creazione di questa chiesa - "I muratori dello stabilimento di Stashkovsky Filat Seleznev e Yermolay Korolev hanno stipulato un contratto nel Nilovo Pustini per costruire una chiesa in pietra con un refettorio alla vecchia chiesa della cattedrale e un pasto per 105 rubli".

Contemporaneamente alla cattedrale iniziò a erigere un muro attorno al monastero (i lavori furono completati nel 1676). Circa il loro aspetto iniziale può anche essere giudicato da immagini di pittura di icone e da piccoli frammenti conservati in natura. Dopo le potenti fortificazioni dei monasteri nei pressi di Mosca, le pareti del deserto di Nilova sembrano una debole imitazione di esse. Ma questa era l'unica fortezza di pietra nel vasto distretto lacustre, il cui scopo difensivo è indicato dalla presenza di feritoie. La divisione ritmica delle pareti dall'esterno su pilastri con basi e capitelli primitivi ha dato a queste strutture non tanto una sorta di fortezza come una recinzione del monastero, anche più caratteristico per la successiva costruzione del tardo XVII - inizio XVIII secolo. La costruzione in pietra del monastero con piccole interruzioni è durata fino all'inizio del XX secolo.

 

Sul piano del monastero è immediatamente evidente che il suo territorio è molto chiaramente diviso in tre parti. Questo è ben sentito anche quando si passeggia tra i numerosi edifici. Il centro della composizione del monastero è il cortile con la Cattedrale dell'Epifania, che si apre dal lago. Ai lati della cattedrale, quasi lungo l'intero perimetro del cortile, sono poste le celle. Ospiti particolarmente importanti che arrivarono nel deserto di Nilova si incontrarono al molo del vescovo, guidarono l'ampia scalinata attraverso l'arco della chiesa del Nilo. Per raggiungere la cattedrale, era necessario passare quasi per tutto il cortile, lungo le celle episcopali e il corpo fraterno. Prima della cattedrale fu costruito un osservatorio con vista sulla baia e sul molo del vescovo; Fu da questa parte che la processione di Ostashkov si stava avvicinando al monastero.

 

Dietro la cattedrale è la seconda chiesa della porta - Pietro e Paolo, passando l'arco del cancello, si arriva alla spaziosa Gostiny Dvor, dove l'hotel era situato per i visitatori e la casa per l'alloggio dei pellegrini. Dietro questo cantiere è un terzo leggermente più piccolo. Cortile stabile In una piccola baia c'era un molo e un molo, lungo la riva c'erano magazzini e edifici del monastero destinati a vari servizi economici: cantine, saponi, fienili e forgia, officine e altri edifici di vasta economia monastica. L'intera parte meridionale dell'isola è stata assegnata a giardini e frutteti.

 

Dietro i giardini e i frutteti c'era un cimitero dove venivano sepolti solo monaci e persone che donavano una notevole somma di denaro al monastero. Non lontano dal deserto, in un piccolo laghetto artificiale, per molto tempo è stato catturato il pesce, da dove è stato catturato, se necessario. In alcuni fiumi limitrofi furono costruiti mulini del monastero. Le farine erano richieste molto per sfamare le infinite folle di pellegrini, per creare e distribuire mendicanti per i poveri, diffondendosi da tutta la Russia.

 

Tra i fratelli monastici c'erano fabbri, calzolai, pellicciai, artisti, fabbri, scalpellini, falegnami. Nella seconda metà del secolo scorso nel deserto del Nilovo c'erano anche monaci meccanici e monaci che trasportavano due navi a vapore monastiche lungo il lago, che trasportarono i pellegrini da Ostashkov e ritorno e li portarono al villaggio di Svapusha, da dove il pellegrinaggio alle fonti del Volga ha cominciato. Grandi entrate portarono alle sculture del monastero di Neil Stolobensky, scolpite in legno, queste figure erano diverse: le dimensioni della palma e l'altezza della crescita umana. I più grandi sono stati tagliati per le chiese, mentre i più piccoli sono stati trasportati ovunque dai pellegrini, insieme a quelli che arrivavano addirittura in Siberia. I contadini intraprendenti dei villaggi circostanti realizzarono molto rapidamente la redditività di questa "pesca" e iniziarono a tagliare e vendere il Nilo di legno. La fantasia popolare ha dato al santo l'aspetto di brillanti dettagli quotidiani. Queste sculture evocano un sorriso con la loro ingenua interpretazione dell'immagine del vecchio, in esse appaiono apertamente le fattezze che appaiono nella vita. Un'interpretazione così libera dell'immagine non è stata molto apprezzata dalle autorità ecclesiastiche che hanno emanato un decreto che vietava severamente ai contadini di tagliare e vendere le figure del Nilo Stolobensky. Ma con il decreto poco è stato considerato, e fino alla fine del XIX secolo, il Nilo di legno ha continuato a uscire da sotto lo strumento di artigiani locali. Spesso le donne scolpivano le sculture.

Oltre alle sculture in legno, le icone e le croci in rame sono state realizzate nei monasteri e dalla seconda metà del XIX secolo queste fabbriche stanno sostituendo in misura crescente la vendita di quadri dipinti a olio che raffigurano la processione ai deserti di Nilov. Ogni partecipante alla processione, che ha raccolto innumerevoli folle di fedeli da tutta la Russia, ha cercato di portare con sé per memoria una stampa così popolare che è stata stampata nella tipografia e venduta nel monastero o ad Ostashkov. Per i visitatori particolarmente ricchi, il monastero poteva offrire icone con la vita e le meraviglie del Nilo Stolobensky, libri, tra cui libri sulla storia del monastero e persino set da tè raffiguranti la processione ai deserti. Ma, nonostante l'economia monastica sviluppata e i sottoprodotti, il principale elemento di reddito erano i contributi, le donazioni, quei poluski di rame che i credenti portavano con sé.

Il complesso del monastero di Nilov dei deserti è molto grande. Consiste di due dozzine di edifici e strutture indipendenti. Il restauro del complesso è appena iniziato, ei primi studi condotti dall'architetto VI Yakubeni hanno mostrato che alcuni edifici del monastero ci hanno raggiunto, dopo essere sopravvissuti da cinque a sette periodi di costruzione.

 

I più antichi edifici monastici risalgono alla fine del XVII secolo, ma non li noti immediatamente. Ad esempio, la chiesa del Nilo, ribattezzata nel 1723 nella Chiesa di Ognissanti e situata nell'angolo nord-ovest del cortile anteriore, costruita nel 1699 dall'apprendista delle opere in pietra di Nikifor Terentyev "con compagni", dopo diversi alterazioni acquisite l'aspetto di un edificio tardo classico. Invece di cinque capitoli (quattro angoli erano di legno), ce n'era solo uno, ma lo avevano anche costruito in modo che la chiesa sembrasse più alta. I fronti si ergevano sopra i kokoshnik, e loro stessi scomparvero sotto uno spesso strato di intonaco, e le pareti furono decorate con pilastri. Per ripristinare l'aspetto originale di questo edificio, che consisteva in un quadrilatero, chiuso da una volta chiusa e collegato da corridoi con reparti ospedalieri e due camere di un ufficio del tempo, sarà probabilmente difficile.

 

Vicino alla chiesa di Ognissanti, lungo il lato settentrionale del cortile anteriore, un edificio a un piano, il cosiddetto edificio del refettorio, fu costruito poco prima, nel 1667-1669, vicino al muro della fortezza, dove c'era un cucina, fabbrica di kvas con cantina e ghiacciaio, pronto soccorso, celle ospedaliere e tre celle fraterne. Solo per il caratteristico cordolo per la fine del XVII secolo, che un tempo ornava la fascia del cornicione che separava il piano inferiore da quello superiore, e dai piccoli frammenti superstiti della facciata settentrionale che un tempo fungevano da muro della fortezza, si può capire che la base di questa struttura è un edificio antico. Un piano, è durato poco più di cento anni. Nel 1779-1781, il muratore filisteo di Ostashkov, Fedor Dmitriev, sopra la parte occidentale dell'edificio, costruì celle destinate a un ricco investitore del monastero: il proprietario terriero di Toropets Ivan Sergeevich Chelishchev, che prese le tonsure e si stabilì nel deserto. Nel 1804-1805, anche il muratore filistinese Ostakkov Yakov Yemelyanov Korobanov "con i suoi compagni" costruì, ora sul lato est, il secondo piano e, probabilmente, nello stesso tempo estese lo scafo. La modesta lunga facciata di questo edificio, decorata nella parte superiore da identiche cornici di telaio che ricordano l'involucro delle case di Ostashkov, era apparentemente progettata per enfatizzare la ricca decorazione architettonica "ornamentale" dell'antica cattedrale del monastero.

Dal lato sud-ovest della cattedrale del monastero nel 1680-1698, è in costruzione la Camera di Stato con celle del tesoro. Era questo edificio ed è stato soprattutto costruito, e ora puoi vedere la sua parte antica solo andando in un piccolo cortile interno, situato dietro l'edificio con un portico. Su una delle pareti di questo patio, alcune finestre del Tesoro conservate sono state miracolosamente preservate. Uno di questi potrebbe chiaramente servire come prototipo per la decorazione della chiesa nel villaggio di Rogozh. All'interno della camera, in alcune stanze, sono sopravvissuti soffitti a volta. Oltre la costruzione di questo edificio, che ora rappresenta un intero conglomerato di diversi locali, per oltre duecento anni, molti artigiani di Ostashkov hanno lavorato. Tra questi si dovrebbe nominare Ivan Semyonov Mosyagin, indubbiamente un maestro dotato la cui opera appartiene alla chiesa originale della Smolensk Mother of God Odigitria (1750-1756) nel villaggio di Okovtsi (il villaggio si trova vicino al villaggio di Selizharova - il distretto centro della regione di Kalininskaya). Il nome di questo maestro deve essere menzionato di nuovo in relazione alla costruzione del deserto del Nilo. Insieme a un altro maestro - Login Suslennikov - nel 1775 costruirono "dietro le celle dei preti celle di pietra e cucina". Nel 1751, la costruzione delle Camere dei vescovi iniziò sul lato orientale del cortile anteriore. Il piano superiore delle camere rimase per un breve periodo di legno. L'inizio della loro costruzione è collegato con il nome di Thomas Pavlov (Kozlov?) - un contadino dell'insediamento sub-monastero del monastero di Trinity Selizharovsky. Maestro di grande talento, per oltre dieci anni è stato associato alla costruzione nel deserto del Nilo, prendendo grandi contratti e dirigendo una grande squadra arteliana. Foma Pavlov non solo ha diretto il lavoro, ma ha anche partecipato alla costruzione. Più tardi, nel 1800-1801 anni. Le camere del vescovo erano collegate con il tesoro e il corpo parrocchiale da celle fraterne. Apparentemente, nel 1822 le celle fraterne e la Camera del tesoro furono unite da un cortile sordo semicircolare. Come guardare questi diversi e diversi edifici, ora è quasi impossibile immaginarlo, perché negli anni '30 del XIX secolo erano tutti portati sotto lo stesso tetto, e la facciata rivolta verso il lago riceveva un unico trattamento architettonico, progettato dalla provincia di Tver architetto Ivan Fedorovich Lviv nelle forme di pseudo-gotico. Il commerciante della città di Vladimir, Vasily Feofilaktovich Kiryugin, era l'appaltatore per la ricostruzione di tutti questi edifici. Il lavoro è stato svolto intensamente "per il ripiegamento dei loro lavoratori nello stesso posto su uno scantinato e un granito appositamente fatti ... a due piani sotto e sopra ... celle fraterne con copulazione sul lato occidentale della dispensa del tesoro di uno faccia parete con vecchie mura interne ... pagato ... 2250 rubli. "

La metà e la seconda metà del XVIII secolo sono un periodo di costruzione intensiva nel monastero, quando apparvero i suoi edifici e strutture più interessanti. Nel 1751-1555, sul sito dell'antica porta orientale, la chiesa del Nilo fu costruita su donazioni. L'appaltatore e il costruttore era Foma Pavlov. Numerosi documenti monastici di quegli anni dipingono un quadro del rapporto che regnava tra il cliente e l'appaltatore: "Foma Pavlov, contro il contratto, ha meno dipendenti e nella corretta struttura ripara l'illegalità e la disobbedienza, e altri disordini, e oltre a smantellare le vecchie porte e le vecchie porte e richiede 50 rubli., E prendere i soldi per un contratto, metà, vale a dire 200 rubli, fuggiti ... Viene ordinato di trovare questo fuggiasco e punirlo con le fustelle, tenere in atto E per lo smantellamento delle Sante Porte e delle vecchie celle per dargli dei soldi 30 Rublev. "Il primo livello dell'edificio della porta della Chiesa del Nilo è una porta con due porte laterali per ogni lato, attraverso la quale i pellegrini arrivarono al monastero, e il livello superiore è la chiesa di un tipo centrico, a otto petali in piano, che ricorda la casa di guardia del monastero Donskoi a Mosca nel 1713. Tra i monumenti di Ostashkov è l'unica costruzione di una tale composizione. Apparentemente, Thomas Pavlov aveva una certa familiarità con l'architettura metropolitana. Le facciate della chiesa del Nilo sono divise in due livelli. La parte inferiore è decorata con badili, oltre le finestre ci sono plateau con cartigli di pietra bianca e piastrelle blu iridescenti; cornici con una profilatura complessa, arcuate sopra le finestre, formano una specie di timpano a raggio. Il livello superiore è più modesto - la rotonda, coperta da una cupola e smembrata dalle facciate dalle lame. Fino al 1832, questa chiesa fu incoronata con un ottagono, che si concluse con cinque capitoli. Non appena fu costruita una nuova cattedrale del monastero, l'ottagono fu smantellato. Il suo magnifico multicolore ha cessato di essere in armonia con la silhouette della massiccia cattedrale. Invece, la rotonda era coperta da una cupola con un tamburo modesto e una cupola.

I lavori per la ricostruzione della chiesa del Nilo terminarono nel 1838, e furono eseguiti dall'allenatore Nikifor Gavrilovich Pozharsky della città di Torzhok, uno dei parenti dello stesso Pozharsky, che mantenne un famoso hotel a Torzhok, e che Puskin glorificò nel suo poesie. Il fatto che i lavori di costruzione siano stati condotti dal cocchiere non dovrebbe sorprendere. Semplicemente Nikifor Pozharsky è stato assegnato solo alla tenuta di yamschitsky, ma come la sua famiglia, essendo un uomo intraprendente, ha gettato poco beneficio e pesanti cartelli yamschitsky e ha iniziato a costruire l'imbarcazione, mentre prendeva una fila. Notiamo di passaggio che i documenti del deserto di Nil non riguardano solo queste persone di classi diverse, sembrerebbe, non hanno alcun rapporto con la costruzione e il lavoro di rifinitura: maestri pittori - il tenente Ilya Mikhailovich Verzin, mercante Joachim F. Samsygina, maestro intagliatore - Kupetsky figlio Peter Gavrilovic Filoshin, e così via.

 

La seconda chiesa della porta - la chiesa di Pietro e Paolo con una stanza per il guardiano, situata sopra la porta occidentale che porta al Gostiny Dvor, fu costruita nel 1760-1764 dal muratore Foma Pavlov. È interessante notare che, essendo una chiesa, assomiglia contemporaneamente al campanile della Cattedrale della Trinità a Ostashkov, in particolare il disegno del livello inferiore da due colonne gemelle con una trama pendente tra loro e cartigli in mattoni nel secondo ordine. In contrasto con la chiesa del Nilo in questo monumento è molto meno caratteristiche del capitale tracciato. La somiglianza tra la chiesa della porta di Pietro e Paolo e il campanile non è casuale. Prima della costruzione del campanile multipiano della Cattedrale dell'Annunciazione che incoronava il suo alto tamburo ottagonale, poneva alcune basi ottagonali allungate del tempio stesso, nel panorama del monastero sembrava davvero la verticale più alta, servendo come accento composito . Puoi entrare nella stessa stanza del tempio solo tramite la scala interna. A livello del secondo livello c'era una galleria con una griglia metallica. Dopo la fine dei lavori di costruzione, è iniziata la decorazione degli interni. Disegni di stucchi e composizioni a bassorilievo su temi evangelici sulle pareti della chiesa di Pietro e Paolo hanno un'analogia diretta con la decorazione a stucco di un'altra chiesa del monastero: l'esaltazione, Kondratii Semenov Konyagin pieno di incisioni e iconostasi scolpite e senza legature dipinte con Boris Erimeev Utkin dei maestri di una grande dinastia pittori di Ostashkovskaya Utkin.

 

La Chiesa dell'Esaltazione, costruita nel 1784-1788, si distingue dal complesso monastico, su un piccolo promontorio. A prima vista, potrebbe sembrare una costruzione non di muratori locali, ma di invitati dall'esterno - le sue proporzioni, i volumi e l'arredamento sono molto insoliti. Tuttavia, è certo che le capitali per i suoi pilastri furono realizzate dall'artigiano di Ostashkov. La decorazione a stucco qui è più rigida, contenuta, che nella chiesa di Pietro e Paolo, in essa l'influenza dei campioni di capitale è molto più apprezzabile. Anche l'attenzione monarchica di Alessandro I, che visitò i deserti di Nilov, attirò la decorazione di questa chiesa, piena del "residuo Kondraty Semyonov Konyagin" di Ostashkov. Secondo lo storico del secolo scorso V. Uspensky, Kondraty Semenov Konyagin era impegnato non solo nelle opere a stucco, ma anche nella corrispondenza dei libri, si distinse per "pia vita ascetica" e infine prese i voti monastici. La sua maestria era ben nota al di fuori del deserto del Nilo, fu invitato a realizzare opere in stucco e scolpiti nel monastero di Valaam sul lago Ladoga. La pittura nella chiesa è stata eseguita da Ilya Mikhailov Verain e Semyon (Eremeev?) Utkin è un altro rappresentante della dinastia ereditaria dei pittori di Ostashkov. Secondo le osservazioni dei restauratori V. V. Filatov e L. M. Koltunova, i dipinti della chiesa Vozdvizhenskaya hanno una grande somiglianza con il dipinto della porta della chiesa di Pietro e Paolo nel monastero e la cattedrale della Resurrezione a Ostashkov. È possibile che lo stesso artello abbia lavorato alla decorazione di tutte queste chiese.

 

Tra gli edifici del Deserto di Nilovaya, due torri fanno parte del muro monastico settentrionale eretto nel 1766. Nelle loro forme continuano a vivere le tradizioni dell'architettura della fortezza, mentre gli angoli di trattamento lussureggianti biforcano pilastri con capitelli, cornici finemente profilate e finestre le cornici sono di carattere barocco, e accanto ad esse è incorniciata la finestra che si apre con un finiale sagomato a forma di chiglia e colonne di perline e finimenti metallici, ripetendo la decorazione decorativa delle cornici delle finestre della Camera del Tesoro.

Dopo la magnifica magnificenza del cortile del monastero anteriore e di numerose chiese, gli edifici economici e residenziali sembrano più modesti, sebbene in confronto agli stessi edifici della città, alcuni di essi sono molto grandi. L'economia del monastero richiedeva grandi cantine, magazzini, stalle e strutture ausiliarie, e in tutto questo c'è un senso di scopo, prosperità, una forte mano economica. Molti di questi edifici furono costruiti nello stesso periodo delle chiese, nella seconda metà del diciottesimo e all'inizio del diciannovesimo secolo, in modo da farli conoscere e cominciare a immaginare più pienamente quanto fosse grande la scala dell'intera costruzione monastica quella volta. Nel 1764, Ivan Semenov Mosyagin, già menzionato da noi, insieme al fratello Alexei, iniziò a erigere un cortile stabile. Dal lato del lago era recintato da un alto muro di pietra decorato con pilastri rustici, e dal lato del Gostiny Dvor mettevano alte porte d'accesso con un attico e un kiottsem nel centro, che dava alle porte una vista di l'arco di trionfo. Scuderie e annessi sono posizionati liberamente attorno al perimetro del cortile. All'inizio del XIX secolo, l'edificio della stalla settentrionale fu ricostruito dal maestro Sergei Potapov Tolstikov, che aggiunse diverse sale e un porticato aperto. Anche senza conoscere i nomi dei maestri, le cui mani sono fatte di tutti questi edifici, capisci immediatamente che la costruzione della stalla è stata eseguita da muratori locali. Le pareti dell'edificio sono decorate con dettagli decorativi con una caratteristica combinazione di forme barocche e seicentesche, il kyot sopra il cancello d'ingresso al cortile è straordinariamente simile al kyot al campanile della chiesa di Smolensk del monastero di Zhitenny, e il porticato lungo l'edificio settentrionale diede a questa struttura economica l'aspetto di una struttura urbana pubblica. Apparentemente, subito dopo il completamento del cortile della stalla, i fratelli Mosyagins iniziarono la costruzione di altri edifici economici del monastero - "quattro granai e un biancospino" in piedi lungo una piccola baia a sud del complesso principale. Durante il periodo della sua esistenza, gli edifici economici sono stati modificati e ampliati. Pertanto, alcuni di loro hanno perso il loro aspetto originale, e solo per piccoli frammenti, conservati qua e là sulle facciate, è possibile indovinare quando sono sorti. Allo stesso modo, altri due edifici monastici furono ripetutamente ricostruiti: un salotto e un ospizio, costruito uno - nel 1731, e un altro - nel 1737.

 

Numerose immagini iconografiche del deserto del Nilo del XVII-XIX secolo, conservate in vari musei d'arte e ritrovate nelle chiese, danno una buona idea di come è cambiata l'aspetto del monastero, di quanto è stato ricco e di come è stato costruito. Da un piccolo monastero abbandonato, che dozzine apparvero nei secoli XVI - XVII, il deserto divenne uno dei più grandi monasteri della Russia, divenne un'intera città di monaci sull'isola. Per i suoi ricchissimi visitatori alla fine del XVIII secolo, un grande edificio a due piani è stato installato sul luogo delle stanze strette di celle di un piano, e pochi anni dopo hanno completato la costruzione di un altrettanto grande tre -storia casa dell'ospizio dove gli investitori monastici vivevano negli ultimi giorni e cambiavano permanentemente i cosiddetti operai che lavoravano nel monastero per il voto. Entrambi questi edifici, costruiti in uno stile classico con dettagli di decorazione barocca nel design delle facciate, sono quasi ineguagliati nelle dimensioni nei monasteri di quel tempo.

I deserti ogni anno sono diventati più popolari e affollati. Anche nelle piccole vacanze, il monastero di pellegrini che riempiva il Nilo si ammucchiava nella vecchia cattedrale del monastero. Al suo posto, fu deciso di costruire una nuova cattedrale. All'inizio del XIX secolo il monastero è così ricco e popolare che il suo rettore chiede "il permesso di contattare l'architetto della Russia ... Sua Maestà Imperiale la Principessa Ekaterina Pavlovna ... per elaborare un piano per la nuova cattedrale ... ". Karl Ivanovich Rossi, impegnato in quegli anni con la ristrutturazione del Tver Travel Palace, apparentemente con grande piacere iniziò a progettare la cattedrale del monastero e presto lo finì. La creatività dei ricercatori della Russia nota che questa fu, forse, la creazione più bizzarra dell'immaginazione dell'architetto, e vedono nel complesso progetto la composizione volumino-spaziale della cattedrale che unisce le forme di pseudo-gotico e classicismo, l'influenza dei primi strutture del giovane architetto del suo lavoro e formazione nella spedizione della struttura del Cremlino Caterina nel Monastero dell'Ascensione del Cremlino di Mosca - non conservato - e la sovrastruttura della tenda della Torre di San Nicola). Nel 1813 il monastero pagò all'architetto per il progetto una grossa somma per quei tempi e emise denaro per i viaggi da San Pietroburgo al Deserto di Nilova e ritorno. All'inizio, apparentemente, il lavoro attirò l'architetto, e elaborò attentamente piani, facciate, sezioni "con il significato dell'iconostasi". È difficile comprendere perché il progetto stesso non sia stato realizzato: se l'architetto stesso, dopo aver visitato il monastero, fosse convinto dell'irrealtà senza una costante supervisione da parte sua a realizzare il piano, o il colossale carico di adempiere agli ordini del cognome in carica assorbì tutta la sua attenzione, o il tempo fu perso, e lui stesso, abbandonando i suoi hobby nelle forme giovanili pseudo-gotiche, non voleva che la sua immaginazione diventasse carne. Probabilmente il progetto non fu nemmeno trasferito al monastero e, a tutte le domande che lo riguardavano, Rossi rispose con ostinato silenzio. Nel disperato tentativo di ottenere la creazione del capitano del capitale, il monastero commissionò un progetto per l'architetto meno noto - "l'ex governatore di Tver Andrey Trofimov, che fu licenziato dal suo incarico", che propose l'opzione di ricostruire l'antica cattedrale, ma non fu entrambi implementati. Oltre ad AA Trofimov, la cattedrale è stata progettata da un altro architetto - Melnikov (il nome nei documenti non è specificato). Tuttavia, questo progetto è rimasto solo sulla carta.

 

Solo nel 1821 fu finalmente iniziata la costruzione della nuova cattedrale dell'Epifania secondo il progetto di Joseph Ivanovich Charlemagne, che terminò nel ruvido 1833. Per le sue dimensioni, questa grandiosa costruzione può essere paragonata alla cattedrale di qualche città del distretto come Kashin o Arzamas. Non molto tempo fa, raccogliendo documenti per il restauro della cattedrale dell'Epifania, la MG Karpova stabilì un fatto molto curioso. I. I. Carlo Magno propose per la prima volta il suo progetto per un concorso per la cattedrale di Sant'Isacco, ma il suo piano non fu soddisfatto dalle autorità di San Pietroburgo, e il progetto fu quasi completamente cambiato nel deserto di Nilovo. I. I. Carlo Magno fu solo l'autore del progetto, l'edificio fu costruito sotto la supervisione degli affari di pietra del maestro: lo svizzero, originario della città di Losanna, Angelo Dementieva Bottani. La costruzione fu eseguita molto intensamente: entro un anno la vecchia cattedrale fu spezzata e ne gettarono le fondamenta per una nuova ", per realizzare una chiesa in pietra cattedrale con un campanile nello stesso deserto secondo il piano e la facciata approvati. .. con uno sguardo speciale alle opere di pietra del maestro, in quattro, e almeno in cinque anni ... "Muratori con artels contratto - Streltsov Vasily Semyonov dalla città di Podolsk e Malinin Agafon Kosmin, nativo del villaggio Starkovo di Sudogdolsky distretto della provincia di Vladimir. La decorazione finale dell'interno è stata rimandata per molti anni. Nel suo splendore, ha superato molti degli edifici religiosi e lateclass dell'architettura della capitale. Non solo quelli di Ostashkov ma anche gli artigiani di altri posti hanno lavorato al suo arredamento. Alcuni progetti di decorazione d'interni sono stati realizzati dall'architetto provinciale Tver IF Lvov.

Per la sua tipologia, la Cattedrale dell'Epifania si trova vicino agli edifici della basilica a tre navate, sormontati da cinque cupole (la sesta, nadltarny, la cupola - la tarda), a ovest una torre campanaria a quattro livelli è costruita nel suo volume, e le facciate sono decorate con potenti portici toscani a sei colonne. Il tamburo centrale ad alta luminosità è decorato con semicolonne con capitelli ionici ed è sostenuto all'interno da enormi piloni di configurazione complessa. Gli altri quattro tamburi sono bassi, sordi, quasi senza decorazioni e distanziati negli angoli. Insieme alla centrale, la piramide termina l'edificio. Va subito notato che la maggior parte dell'edificio è progettata più per la sua percezione dal lago. Essendo nel cortile anteriore, è difficile cogliere l'intera struttura grandiosa. Con i loro massicci portici massicci e grandi piani di mura, smembrati solo da aperture leggere, la cattedrale, che si erge su un alto piedistallo di granito, sopprime lo spettatore - vuoi allontanarti per vederlo meglio. E solo entrando, inizia davvero a capire come è enorme. Attraverso le luminose correnti di luce provenienti dal tamburo e dalle finestre centrali, la parete opposta sembra affondare nella foschia. Probabilmente, il desiderio di coprire il più possibile l'interno della navata centrale e si può spiegare la costruzione della sesta cupola nadapsidnogo nella seconda metà del XIX secolo. Tutte le pareti, i pilastri e le lesene erano decorati con marmo artificiale multicolore. Sulla sommità c'era una larga cornice modanata con dettagli dorati di magnifiche decorazioni. I polacchi terminavano con capitelli in stucco, archi e cupole ricoperti da una luminosa pittura a tempera di ornamenti architettonici, realizzati con la tecnica della grisaglia, nelle nicchie erano argenterie e reliquie dorate di "reliquie sacre".

 

Dopo la fine della cattedrale di Nilovo, i deserti iniziarono a rafforzare le rive dell'Isola di Stolobny con argini granitici. In realtà, questi lavori sono stati condotti prima. Forti venti che soffiano dai tratti Kravotynsky e Ostashkovsky, portarono con sé onde che distrussero la costa dell'isola. Esiliato nel deserto di Nilov per ordine del Sinodo del metropolita Ignatius Krutitsy, la regina aderente alla resina Evdokia Lopukhina si impegnò per la prima volta nel rafforzamento della costa dei mucchi di querce, ma loro marcirono e dovettero essere sostituiti. A giudicare dai documenti del monastero, gli argini granitici ("muri di pietra selvaggia") furono parzialmente costruiti già a metà del XVIII secolo.

 

La formazione della facciata monastica cerimoniale dal lato del lago - Bishop's Wharf - iniziò nel 1813, quando fu messo a terra un padiglione decorato con portici e una guglia. Dopo la costruzione della cattedrale è stato necessario completare il progetto di questa parte dell'isola. Eretto di fronte alla cattedrale sotto la supervisione dell'architetto volnopraktikuyuschego di Saratov PN Uryupina muro di sostegno in granito con parapetto in ghisa previene il crollo del terreno e funge da piattaforma di osservazione, è diventato una sorta di fondazione per l'ulteriore costruzione di argini granitici intorno all'intero isola. Davanti alla cattedrale, presso la banchina dei Vescovi, gli argini erano fatti in alto, e poi cadevano in luoghi, sollevando solo tre o quattro file di blocchi sopra l'acqua. Il materiale per loro era abbondantemente estratto dai campi circostanti. La lunghezza dei blocchi era diversa, a seconda delle dimensioni della pietra, e l'altezza era approssimativamente la stessa, quindi era più facile condurre la muratura. I blocchi erano disposti l'uno vicino all'altro e solo nelle file superiori e nelle zone più critiche gli argini "dikootesanny stone" fissavano i pironi ei legami metallici, che nidificavano pieni di piombo. Il progetto degli argini in granito è stato progettato dall'architetto provinciale IF Lvov, autore delle facciate pseudo-gotiche degli edifici fraterni del monastero. La personalità di questo architetto interessante e prolifico, che ha studiato alla "scuola della spedizione degli edifici del Cremlino", molto e con successo lavora più di un quarto di secolo nella provincia di Tver, sta ancora aspettando il suo ricercatore. per la costruzione di argini funzionano nel deserto e sono stati progettati anche dall'architetto, ma senza il coinvolgimento diretto dei contadini del villaggio Yakonovo Novotorzhsky County - Ivan Timofeyev e Agathon Ivanov - sono stati completati principalmente negli anni '50 del secolo scorso.

L'ultimo grande edificio monastico è la torre della porta Svetlitskaya (1863), situata sul promontorio nord-orientale dell'isola di Stolobny. La torre è costruita in forme tardive di classicismo. Il livello inferiore serviva da passaggio attraverso il quale passavano nel monastero, le celle del guardiano e del guardiano erano poste nella parte superiore, una guglia alta si ergeva sopra il tamburo, dove durante un brutto tempo, una bufera di neve o una tempesta sul lago , una lanterna illuminata di notte. Molto più tardi lo stretto di fronte alla torre, che separava l'isola dalla terraferma, era quasi completamente bloccato da una diga, che divenne la strada principale verso il deserto. Dopo la torre di Svetlitsky, nuovi edifici non sono comparsi nel monastero, anche se alcune riparazioni e modifiche erano ancora in corso. Qui, secondo la vecchia memoria, i pellegrini continuavano a radunarsi nelle folle, ma tra loro c'erano sempre meno persone che, terminando il loro percorso terreno, potevano smentire il monastero o apportare un ricco contributo. Fu in quegli anni nel deserto, per sostenere la sua antica magnificenza e attirare pellegrini, la produzione di massa di stampe popolari, piatti con le vedute del monastero, icone di rame e croci viene messa in pratica, vengono rilasciati in un edizione di massa del libro con la storia e la vita dell'eremita di Stoloben, ma tutto questo è stato solo in grado di sostenere il monastero, poco da aggiungere alla ricchezza precedente. Il deserto di Nilova cominciò gradualmente a diventare povero. Il numero di monaci e le mani dei lavoratori liberi è diminuito. Il monastero all'inizio di questo secolo sopravvisse, come la città di Ostashkov, a una breve rinascita con l'apertura della linea ferroviaria Bologoe - Velikie Luki, ma durò solo pochi anni. La prima guerra mondiale iniziò. I deserti divennero sempre meno necessari, e subito dopo la Grande rivoluzione socialista d'ottobre, quando la controrivoluzione stava costruendo il suo nido, la giovane Repubblica dei sovietici dovette prendere misure estreme - liquidare la cospirazione che era cresciuta nel monastero e chiudere il monastero. Sul suo territorio si formò una comune, quindi una colonia di lavoratori per i bambini. Durante la Grande Guerra Patriottica qui c'era un ospedale. Su una collina alta al molo - la fossa comune di soldati dell'esercito sovietico che morì in ospedale dalle ferite. Dopo la guerra, l'ex monastero fu di nuovo dato ai bambini, e presto ospitò la Casa di cura. Ora nel deserto del Nilo c'è un ostello "Dawn", dove è possibile ottenere attrezzature e fare un emozionante viaggio attraverso il lago. Ampi edifici monastici sono restaurati e adattati al più grande centro ricreativo Seliger, dove si può venire tutto l'anno.

 












[[57.07912,33.10386],[57.07942,33.10469],[57.07975,33.10538],[57.08019,33.10609],[57.08077,33.10691],[57.08107,33.10722],[57.08138,33.10747],[57.08283,33.10829],[57.08311,33.1085],[57.08378,33.10912],[57.08402,33.10924],[57.0843,33.10925],[57.08479,33.10909],[57.08521,33.10889],[57.08579,33.1086],[57.08607,33.10842],[57.08702,33.10761],[57.08813,33.10694],[57.08969,33.10606],[57.09013,33.10587],[57.09043,33.10583],[57.09093,33.10592],[57.09161,33.10615],[57.09282,33.10651],[57.09313,33.10669],[57.09328,33.10682],[57.0935,33.10707],[57.0936,33.1072],[57.09378,33.10683],[57.09448,33.10543],[57.09612,33.10253],[57.09689,33.10072],[57.09757,33.09914],[57.0978,33.09893],[57.09866,33.09854],[57.09914,33.09803],[57.09928,33.09775],[57.09948,33.0962],[57.0998,33.09459],[57.1001,33.09386],[57.10052,33.09403],[57.1009,33.09408],[57.10197,33.09415],[57.10221,33.09409],[57.10248,33.09396],[57.1028,33.09375],[57.10292,33.09371],[57.10312,33.09372],[57.1038,33.09393],[57.10507,33.09447],[57.10556,33.09449],[57.1067,33.09435],[57.10763,33.09432],[57.10898,33.09438],[57.10961,33.09432],[57.10996,33.09417],[57.11022,33.094],[57.1105,33.09373],[57.11102,33.09307],[57.11147,33.0926],[57.11166,33.09245],[57.11204,33.09227],[57.1124,33.09217],[57.11351,33.09204],[57.11383,33.09206],[57.11542,33.09235],[57.11573,33.09244],[57.11789,33.09337],[57.11829,33.09353],[57.11846,33.09355],[57.11868,33.0935],[57.11886,33.09337],[57.1191,33.09306],[57.11927,33.09253],[57.11943,33.09189],[57.11953,33.09174],[57.11983,33.09158],[57.12137,33.09114],[57.12147,33.09116],[57.12304,33.09172],[57.12383,33.09205],[57.12405,33.0922],[57.12508,33.09324],[57.1276,33.09572],[57.13039,33.09905],[57.13142,33.10032],[57.13172,33.1008],[57.13289,33.1034],[57.13359,33.10494],[57.13364,33.10503],[57.13382,33.10525],[57.134,33.106],[57.13429,33.1072],[57.13499,33.10938],[57.13557,33.11103],[57.1362,33.11277],[57.1363,33.11298],[57.13642,33.11324],[57.13668,33.11358],[57.1368,33.1137],[57.13689,33.11377],[57.1367,33.1144],[57.13646,33.1153],[57.13571,33.11836],[57.13539,33.12022],[57.13534,33.12142],[57.13535,33.12267],[57.13538,33.12448],[57.13624,33.12435],[57.13817,33.12404],[57.13976,33.12384],[57.13992,33.12381],[57.14009,33.12385],[57.14009,33.12389],[57.1401,33.12392],[57.14011,33.12398],[57.14018,33.12405],[57.1402,33.12405],[57.14022,33.12435],[57.14017,33.12615],[57.14019,33.12964],[57.14014,33.1379],[57.1401,33.1385],[57.13959,33.14072],[57.13951,33.14123],[57.13932,33.14279],[57.13913,33.14354],[57.13903,33.14379],[57.13863,33.14446],[57.13813,33.14519],[57.13797,33.14551],[57.13755,33.14664],[57.13659,33.14931],[57.13522,33.15267],[57.13476,33.15366],[57.13435,33.15471],[57.13376,33.15655],[57.13358,33.15697],[57.13333,33.15745],[57.13299,33.15805],[57.13238,33.15899],[57.1322,33.15923],[57.13178,33.15965],[57.13149,33.16004],[57.13127,33.16058],[57.13002,33.16518],[57.12849,33.17091],[57.12813,33.17203],[57.12791,33.1725],[57.12653,33.17526],[57.12619,33.17613],[57.12598,33.17691],[57.12577,33.17795],[57.12557,33.17945],[57.12552,33.18009],[57.12551,33.18097],[57.1256,33.18213],[57.12577,33.1835],[57.12631,33.1864],[57.12741,33.19169],[57.12752,33.19241],[57.12763,33.19334],[57.1277,33.19454],[57.12771,33.19548],[57.12761,33.19731],[57.12752,33.19888],[57.13083,33.19933],[57.13255,33.19951],[57.13313,33.19947],[57.13384,33.19933],[57.13743,33.19823],[57.13811,33.19792],[57.1386,33.19764],[57.1388,33.19747],[57.13932,33.19702],[57.14051,33.19594],[57.14133,33.19522],[57.14185,33.19488],[57.14311,33.19421],[57.14443,33.19351],[57.14488,33.19333],[57.14575,33.19314],[57.14727,33.19296],[57.14932,33.19312],[57.15149,33.1932],[57.15283,33.19318],[57.15328,33.19316],[57.15349,33.19308],[57.15504,33.19244],[57.15659,33.19157],[57.15828,33.19049],[57.15858,33.19036],[57.15938,33.19012],[57.16074,33.19015],[57.16303,33.19127],[57.16385,33.19157],[57.16401,33.19154],[57.16417,33.19142],[57.16444,33.19107],[57.16479,33.19046],[57.16518,33.18988],[57.16598,33.18897],[57.16802,33.1868],[57.16899,33.18564],[57.16989,33.18478],[57.1712,33.18388],[57.17154,33.18369],[57.173,33.18314],[57.17407,33.18274],[57.17465,33.18261],[57.17523,33.1826],[57.17585,33.18259],[57.17615,33.18256],[57.17671,33.18229],[57.17681,33.18215],[57.17686,33.18202],[57.1769,33.18157],[57.17688,33.1801],[57.17691,33.17962],[57.17701,33.17912],[57.17884,33.17334],[57.18147,33.16426],[57.1821,33.16126],[57.18258,33.15931],[57.18294,33.15821],[57.18314,33.15779],[57.18369,33.15712],[57.18461,33.15635],[57.18606,33.15558],[57.18908,33.15412],[57.1908,33.15327],[57.19105,33.15323],[57.19245,33.15321],[57.19306,33.1531],[57.19364,33.15281],[57.1941,33.15238],[57.1961,33.15072],[57.19692,33.14999],[57.19711,33.14979],[57.19795,33.1486],[57.19934,33.14679],[57.1996,33.14643],[57.20053,33.14476],[57.2008,33.14417],[57.20142,33.14245],[57.20248,33.13887],[57.2037,33.13447],[57.20455,33.13154],[57.20599,33.12762],[57.20727,33.12439],[57.208,33.12279],[57.20879,33.12169],[57.2105,33.12014],[57.21295,33.11901],[57.21406,33.11836],[57.21432,33.11812],[57.21515,33.11709],[57.21581,33.11617],[57.21632,33.1154],[57.2168,33.11492],[57.21744,33.11445],[57.21777,33.11429],[57.21817,33.11417],[57.22086,33.11393],[57.22335,33.11363],[57.22604,33.11342],[57.22654,33.11337],[57.22705,33.11322],[57.22826,33.11259],[57.22878,33.11226],[57.22927,33.11218],[57.23064,33.11231],[57.23123,33.11242],[57.23227,33.11277],[57.23291,33.11324],[57.23334,33.11374],[57.23387,33.11462],[57.23452,33.11583],[57.23555,33.11808],[57.23647,33.12007],[57.23705,33.12102],[57.23733,33.12139],[57.23763,33.12158],[57.23804,33.12179],[57.23844,33.12193],[57.23919,33.12199],[57.24146,33.12202],[57.24419,33.12209],[57.24535,33.12211],[57.24571,33.12205],[57.247,33.12156],[57.24734,33.12142],[57.24806,33.12093],[57.24844,33.12057],[57.24992,33.11852],[57.25052,33.11721],[57.25064,33.11684],[57.25096,33.1159],[57.25133,33.11432],[57.25157,33.11263],[57.25165,33.11141],[57.25162,33.10952],[57.2516,33.10848],[57.25098,33.10507],[57.25026,33.1006],[57.24898,33.09227],[57.24882,33.09097],[57.24877,33.08989],[57.24879,33.08607],[57.24873,33.08518],[57.24854,33.08418],[57.24839,33.08363],[57.24817,33.08318],[57.24724,33.08154],[57.24465,33.07665],[57.24395,33.07575],[57.24343,33.07561],[57.24263,33.07557],[57.24188,33.07545],[57.24125,33.07512],[57.24091,33.07486],[57.24071,33.07452],[57.24034,33.0734],[57.23998,33.07257],[57.23913,33.07124],[57.23886,33.07077],[57.23874,33.07065],[57.23868,33.07066],[57.23849,33.07092],[57.23833,33.07103],[57.23821,33.07103],[57.23811,33.07102],[57.23801,33.07089],[57.23778,33.07044],[57.23744,33.06969],[57.23727,33.06956],[57.23717,33.06935],[57.23667,33.06745],[57.23586,33.06462],[57.23584,33.0641],[57.23578,33.06381],[57.2356,33.06372],[57.23566,33.06362],[57.23568,33.06347],[57.23566,33.06292],[57.23568,33.06221],[57.23566,33.06214],[57.23528,33.06218]]
57° 14' 6.9648" N 33° 3' 43.0056" E

Кафе «Скатерть Самобранка»

с 12:00 до 16:00

технологический перерыв — с 16:00 до 18:00

с 18:00 до 22:00

Трапезная «Гжель»

Завтрак: с 08:00 до 10:30

Технологический перерыв: с 10:30 до 13:00

Обед: с 13:00 до 15:30

Технологический перерыв: с 15:30 до 18:00

Ужин: с 18:00 до 20:30

Спортивный комплекс

с 10:00 до 22:00

Бассейн

понедельник — санитарный день

вторник — пятница — с 15:00 до 22:00

суббота, воскресенье — с 10:00 до 22:00

Экоферма

с 10:00 до 16:00

По предварительному бронированию

Бани (русская, турецкая)

Боулинг,бильярд, аэрохоккей

Прокат техники

Верховая езда на лошадях

Стрелковый клуб